UUNTAR – VOORVADERVERERING

Condividi questo articolo..
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    8
    Shares

UUNTAR – VOORVADERVERERING

Immaginate di trovarvi in un luogo sacro, territorio di guerre antiche dove il sangue dei guerrieri nordici è stato assorbito e ingoiato dalla madre terra, circondati da dolmen e lande fredde ancor più per il gelido inverno che le avvolge. Questo è il riassunto delle sei fredde tracce di VOORVADERVERERING, primo lavoro degli UUNTAR, firmato Heidens Hart Records, progetto di due veterani black metallers tedeschi, Herjann (Heimdalls Wacht, Cultus, ex-Countess, ex-Mordaehoth) e Nortfalke (Kjeld, Lugubre, Tarnkappe). 

 

L’album degli Uuntar è una autoproduzione del 2010 che ha dovuto aspettare ben nove anni per vedere la luce, nonostante ciò devo essere critico sul sound, sembra che il tutto sia stato registrato in ambienti e periodi diversi, esclutendo l’intro, la seconda e la terza traccia suonano in maniera completamente diversa dal resto, la batteria copre un po’ troppo il resto, il volume del charlestone è veramente troppo alto, ma dal quarto brano sembra tornare tutto al suo posto. 

Il progetto è epic-melodic pagan metal e si può racchiudere tutto nella spiegazione del genere, il disco si apre con “Intrede”, una marcia che sembra rievocare le gesta degli antichi guerrieri, seguono “Een Germaanse Grafheuvel” e “Ganggraf”, i due brani che mi hanno convinto meno ma con “Lof op ‘t Hunebed”, il brano migliore dei sei, il duo tedesco fa capire di che pasta sono fatti. 

“Bloed om Bloed” è la più melodica e anticipa il brano strumentale in chiusura “Uittrede”. 

 

VOORVADERVERERING è un album da ascoltare più volte per poter captare l’essenza di ciò che vuole trasmettere. Il cantato, difficilmente comprensibile per la lingua, lo rende ancora più complicato, ma l’atmosfera che si crea in questi 33 minuti è intensa. Mi aspettavo qualcosa in più da due veterani black metallers, forse il suono poco pulito destabilizza un po’ e porta a sforzarsi per comprendere bene i brani, ma la linea dell’album è buona e fa rievocare, sicuramente, con le sue atmosfere, i racconti dei re e dei guerrieri caduti. 

 

Voorvaderverering” track listing: 

  1. Intrede
  2. EenGermaanschegrafheuvel
  3. Ganggraf
  4. Lof op ‘t hunebed
  5. Bloedombloed
  6. Uittrede

 

Lineup: 

Nortfalke (drums, guitars, keys) 

Herjann (bass guitar, all vocals) 

 

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *