OVERRULED – HYBRIS

Condividi questo articolo..
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares

Direttamente dall’Olanda il quartetto thrash metal “Overruled” sgancia sul mercato per “Punishment 18 records” il full lenght “Hybris che mi riporta alla mente, per produzione e approccio sonoro la  scena degli anni 80/90 dominata dai gruppi tedeschi (Destruction, Tankard, Sodom, Vendetta). Gli Overruled suonano veloci e aggressivi come si faceva ai bei tempi, una bordata in pieno stile thrash senza troppe sottigliezze. Basta veramente poco per entrare in sintonia con il quartetto Olandese, basta mettere le cuffie e aumentare il volume dello stereo per essere coinvolti dai riff e dalle ritmiche di questo album che potremo definire veramente l’esordio musicale della band dato che il precedente “Overruled” aveva un suono abbastanza differente con tante influenze hardcore. In questo episodio l’hardcore è dimenticato e sembra davvero di essere tornati agli anni 80, e dall’inizio di “Pawns of War” ogni dubbio viene fugato, onestamente quasi mi viene da cantare il ritornello di “Whiplash” dei Metallica con quell’intro di tom e chitarra graffiante ma la voce poi riporta alla realtà e si materializza immediatamente il sound OVERRULED. “Burnig Bridges”, “Hybris”, “Follow his Order” tanto per citare qualche pezzo sono tutti caratterizzati dalla stessa potenza (quel suono di chitarra durante i riff mi riporta alla mente i mitici Running Wild) 

Il disco dura circa 40 minuti, 9 pezzi d’impatto, dirompenti e pieni di energia pura i quattro Overruled spaccano in maniera diretta e senza fronzoli. Il disco prosegue a velocità elevata e la cosa che rimane è la voce pulita del cantato e gli assoli veramente degni di nota. La strada percorsa dai 4 è quella del thrash, strada difficile e piena di riferimenti che possono confondere l’ascoltatore ma di sicuro ci troviamo di fronte ad un bel disco che non può e non deve lasciare indifferenti. In fin dei conti la band suona da paura e riesce a centrare il bersaglio. Complimenti a loro e alla “Punishiment 18 records” che porta nel suo roster una band che sicuramente può e deve dire la sua. Un disco che suona dannatamente bene e che LIVE potrebbe funzionare ancora meglio, quindi speriamo di avere occasione di vedere gli OVERRULED su un palco a suonare questo “Hybris”. 

 

OVERRULED 

 

Remco Smit (rhythm guitar/vocals) 

Ronald Reinders (leadguitar) 

Joeri Klaassens (bass) 

Gerald Warta (drums) 

 

Tracklist 

  1. Pawns Of War
  2. Burning Bridges
  3. Hybris
  4. She-Devil
  5. Purgatory
  6. Follow His Order
  7. Lust For Power
  8. Run For Your Life
  9. Losing Sanity

 

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *