NOVARUPTA – DISILLUSIONED FIRE

Condividi questo articolo..
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Alex Stjernfeldt, ex membro di Mr. Death e The Moth Gatherer, pubblica il primo album del suo progetto Novarupta attraverso la Suicide Records: Disillusioned Fire.

Dopo aver fatto parte dei Mr. Death fino al 2012 e dei The Moth Gatherer fino al 2018, Stjernfeldt ha intrapreso un nuovo percorso col progetto Novarupta, parte di un viaggio oscuro, profondo, triste e malinconico.

L’autore ha descritto l’album come la dolorosa bellezza che risplende tra le imperfezione di un mondo sull’orlo della caduta, un viaggio tra le componenti più oscure dell’animo umano che termina con l’accettazione del proprio lato oscuro, che termina col sentirsi semplicemente più forti di quel che si pensi.

Tutte le collaborazioni presenti all’interno dell’album, ovvero Jörgen Sandström (Krux, ex-Entombed, ex-Grave.), Jonas A. Holmberg (This Gift Is A Curse), Mikael Stanne (Dark Tranquility), Tomas Liljedahl (ex-Breach, The Old Wind), Martin Wegeland (Domkraft), Claudio Marino (Tid), Joel Segerstedt (The Open Up and Bleeds) e Ossian Reynolds (Lola Zaza), hanno contribuito portando in dote tutte le loro conoscenze per fare in modo che il messaggio cupo e oscuro che Stjernfeldt voleva far passare fosse chiaro e individuabile ascoltando tutte le tracce.

A partire dalla traccia Stones, fino a raggiungere Ourang Medan, la musica riesce a colpire l’animo più profondo dell’ascoltatore, sferzandolo e dandogli un senso di inquietudine. Seppur ogni traccia presenti degli elementi caratteristici, grazie in buona parte alle collaborazioni citate in precedenza, l’album risulta ben coeso e segue la linea musicale depressiva e desolante tracciata fin dalla prima traccia.

Disillusion Fire porterà in dote all’ascoltatore una sempre più profonda conoscenza di se stessi e, specialmente per gli amanti del death metal e dello sludge, non può che essere un album da riprodurre tutto d’un fiato, concentrandosi sul messaggio finale, sulla musica e sul proprio animo.

 

Tracklist

  1. Stones (feat. Tomas Liljedahl) (5:51)
  2. Pyroclastic Flows (feat. Jörgen Sandström) (7:01)
  3. Tumskruvar (feat. Claudio Marino, Joel Segerstedt, Ossian Reynolds) (5:24)
  4. Mare Tranquillitatis (feat. Mikael Stanne) (6:49)
  5. Only The Dirt Will Know Our Graves (feat. Jonas A. Holmberg) (5:51)
  6. Ourang Medan (feat. Martin Wegeland) (7:59)

Total playing time: 38:55

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *