HELLNITE – MIDNIGHT TERRORS

Condividi questo articolo..
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La vecchia scuola del thrash metal ha detto tanto e in questa visione proposta dagli “HELLNITE” che in definitiva si potrebbe definire una “one man band” niente di nuovo si aggiunge a quanto già detto in passato. Ci troviamo di fronte ad un disco con una discreta produzione e dei pezzi onesti e diretti ma quello che manca è l’anima. Mi rendo conto che non sia facile cimentarsi in un mondo musicale come quello del thrash, un mondo costellato da mostri sacri che hanno detto, scritto, cantato quasi tutto il possibile, sarà per questo che non sento il demone della musica impossessarsi di me in questo disco degli HELLNITE. 

I pezzi ascoltabili ci sono, la sezione ritmica del basso fa il suo dovere, probabilmente la parte in cui il disco soffre di più è quella della batteria (che per motivi che non sto a specificare è lo strumento che riesco a sentire meglio quando mi dedico all’ascolto di un disco) che risulta un po’ troppo “finta” rispetto al resto degli strumenti. 

“Spirits Prevail” è il primo pezzo interessante del disco, una ritmica avvolgente che ti rimane in testa, canteresti anche solo il riff di chitarra se non ci fosse la voce, coinvolgente e trascinante, la sensazione è che sia un colpo che da un momento all’altro esploderà fortissimo anche se nella realtà dei fatti poi resta in canna senza il boato atteso. 

Come detto il disco suona bene ma senza eccellere in nulla, un disco che si ascolta e che ogni tanto ti fa anche muovere la testa ma non vibra come potrebbe e come dovrebbe. In definitiva è un disco come tanti altri, uno dei tanti dischi thrash del mondo senza infamia né lode per quanto mi riguarda. 

“Midnight Terrors” esce per “Sliptricks Records” ma non rimarrà nella storia del thrash metal e considerando tutto dispiace perché le canzoni hanno una discreta tecnica compositiva, un basso e una chitarra che funzionano abbastanza bene ma non scocca la scintilla e tutto si perde, una goccia di pioggia nel mare del thrash mondiale. 

 

Tracklist 

  1. Projection
  2. Phantom Force
  3. Spirits Prevail
  4. Beasts from the Deep
  5. Thrash of the Living Dead
  6. Darker than Black

7 Stage on Fire 

8 The Necromancer 

9 Midnight Terror 

 

HELLNITE  

 

Paolo Belmar – Vocals, guitars, bass and programmed drums 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner" o qui.

Open in Spotify

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *