HELLIGATORS – HELL III

Condividi questo articolo..
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Esce via Sliptrick Records il nuovo disco della band romana Helligators, Hell III.

A quattro anni dall’uscita di Road Roller Machine, ecco che la band capitolina decide di pubblicare un disco dagli aspetti simili ma con nuovi orizzonti rispetto al precedente. Abituati ad apprezzare la band dai risvolti metal, con questo nuovo disco possiamo apprezzare anche la parte più “dolce” e melodica del quintetto romano.

In questi quattro anni, tra decine di apparizioni live nella scena rock romana e non, sono cambiati diversi aspetti della band, tra cui il bassista, e la voce del gruppo, Hellvis, rimpiazzato da Simone “The DUDE”, che ha portato al gruppo un ottimo apporto vocale grazie al suo timbro forte, deciso ma quando serve più melodico.

Il nuovo disco è molto forte, ed è principalmente di stampo Hard rock – metal. Lo si può notare subito dal primo impatto, dalla prima canzone. “Rebellion”, è un bomba pronta ad esplodere, da una carica impressionante grazie ai suoi riff decisi e brutali, guidati dall’esperta coppia di chitarre formata dal duo “El Santo”-“Kamo”.

Dopo diverse tracce molto forti come “Confession” e “Until I Feel No More”, spicca per la sua melodia “Where i Belong”, dove la band si cimenta in un campo quasi mai toccato nei loro brani, scegliendo una via melodica e più soft – southern rock rispetto ai loro soliti lavori, ricordando con questo brano band come Lynyrd Skynyrd o qualcosa di simile.

In Until i feel no more diversamente da quest’ultima, si riconosce un genere di metal iconico, quello degli anni 90′. Non a caso ascoltando la traccia ci si rende conto dell’ispirazione che una band come i Metallica abbia potuto dare alla band romana. Infine per non farsi mancare nulla possiamo trovare “Bassthard session III”, pezzo strumentale condito da un lavoro ottimo sulle parti di basso, molto convincente e ri-editabile sopratutto in versione live.

HELL III è quindi un disco convincente, di ottima fattura, che sarai costretto ad ascoltare e riascoltare, vista la decisione e il forte impatto che gli esperti del settore apprezzano, un disco che catapulta la band ad un livello superiore si nel panorama italiano che internazionale.

Disco duro, tutto da godersi e ascoltare. Ottimo.

Genere: Heavy
Anno: 2019
Band:
Alex (drums)
Pinna (bass)
The Dude (vocals)
Kamo (guitar-vocals)
El Santo (guitar-vocals)
ss)

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *