HECATE ENTHRONED – Embrace of The Godless Aeon

Condividi questo articolo..
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dalla fredda Wrexham, risuonano melodie black metal con questo nuovo lavoro degli “HECATE ENTHRONED”. Come spesso mi capita mi trovo di fronte ad un disco black metal con tante, tantissime influenze symphonic death metal. Belle composizioni, lunghe ed elaborate, un sapiente utilizzo dei blastbeat e una voce che alterna “scream e growl” accentuando stacchi e cambi di atmosfera veramente interessanti. Chiaramente ci troviamo di fronte ad una band che ha una lunghissima storia, attivi da metà degli anni 90 i 6 Hecate Enthroned hanno via via elaborato il loro suono fino a giungere alla loro esaltazione con questo ultimo lavoro “Embrace of the Godless Aeon” che arriva come un macigno infernale su questo inizio anno che per il sottoscritto è colmo di sorprese in salsa Black metal.

La tastiera ha un ruolo fondamentale per rendere le atmosfere che, accompagnate dal raschio continuo delle chitarre e dalla voce incredibilmente d’impatto danno brillantezza ad un suono nitido e potente che si allontana da tante produzioni che esaltano il cupo e il malsano spirito di certe band che è una condizione per alcuni indispensabile nel genere. Qui ogni suono è nitido, potente e d’impatto, sembra veramente di assistere ad un’esecuzione orchestrale per quanto i suoni sono puliti. Alla fine, secondo il mio parere personale e discutibilissimo, la band guadagna tanto in potenza e chi ascolta non perde attenzione per comprendere cosa succeda nella dinamica della canzone. Altra cosa che in questo disco mi colpisce è il drumming. Il blastbeat c’è ma non si abusa mai di questa tecnica (a mio parere deve finire la gara a chi suona più veloce a discapito della vera potenza), stesso dicasi per l’utilizzo della doppia cassa che fa da tappeto che accoglie i ricami del resto della band (soprattutto della tastiera) arricchendo il sound di atmosfere veramente interessanti.

“Goddess of Dark Misfits” è un pezzo bellissimo (giusto per citarne uno), quello che più mi ha colpito del disco che sono sicuro farà parte della mia playlist personale durante i lunghi viaggi. In conclusione il disco degli Hecate Enthroned è un gran bel lavoro, maturo e completo, ricco di potenza (condito da testi satanici e anticlericali) e di violenza sonora da ascoltare e da gustare comodamente seduti sul vostro divano con le luci spente e le finestre chiuse affinché possiate entrare pienamente nel concept dell’album evitando che possa entrare il freddo gelido e i suoni delle industrie provenienti dal nord dell’Inghilterrra!!

Hecate Enthroned

Joe Stamps – vocals

Nigel – guitar

Andy – guitar

Dylan Hughes – bass

Pete – keyboards

Gareth Hardy – drums

Tracklist

Ascension

Revelations in Autumn Flames

Temples that Breathe

Goddess of Dark Misfits

Whisper of the Mountain Ossuary

Enthrallment

The Shuddering Giant

Silent Conversation with distant Stars

Erebus and Terror

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *