CULLODEN – WITCHPRICKER

Condividi questo articolo..
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

CULLODEN – WITCHPRICKER

Artista: CULLODEN
Uscita: 10/10/2018
Genere:THRASH METAL
Casa discografica: INDI

Torniamo indietro nel tempo, Newcastle vide una delle storie più orribili legata alla caccia alle streghe, dove a causa di un uomo, che in quel periodo giró in lungo e in largo per accusare e condannare più di 200 persone che trovarono la loro fine a causa sua!

WITCHPRICKER si ispira a questa vicenda! Mi piacciono assai gli album che in qualche modo legano eventi o fatti più o meno importanti riportati in testi e musica, e questo il caso di questo album!

Lindisfarne apre con un sound retro, molto bello, pesante, che ci fa ricordare qualcosa di oscuro e tetro,ma andando più a fondo, il sound è davvero azzeccato, perché poi da una sorta di marcia parte spedita con un solo lunghissimo e tirato, per poi riprendere con la possente voce di Andrew.

Segue Hills of CULLODEN, frenetica e ritmata, ti pervade con il suo ritmo e non ti lascerà fino alla fine. Mi ricorda molto una sorta di corsa, un percorso alla ricerca di qualcosa da scovare, la sensazione è bellissima, ti coinvolge in tutto per tutto con il suo sound è poi ritmicamente e melodicamente facile da ricordare!la definirei passatemi il genere una sorta di prog rock con variazioni lungo il percorso!

Arriva la caccia alle streghe con Witchpriker, si capisce sia dall’attacco che dal suo modo di continuare che questa traccia non ci lascerà respirare un attimo. La voce quasi stridua ci ricordano lamenti e voglia di vendetta! Il rock non si smentisce mai, pesante, accattivante, improntata sulla velocità e sul frastuono più totale! Accade di tutto al suo interno, devi stare attento, ti porterà lungo tragitti non segnati nelle mappe, segui sempre il tuo istinto, la linea guida ti riporterà alla luce sempre più affannato e distrutto, un lamento che finirà solo con la morte! Non poteva smentirci questa track, molto bella e carica di emozioni contrastanti!

Red Cliff chiude il giro, la batteria è un martello battente, che non può fermarsi! Simile per certi versi alla precedenti, ci lascia respirare in momenti diversi! Il tiro è ottimo, adoro quando i pezzi corrono e non puoi fermarti neanche per pensare!

In generale assegno a questo album un ottimo voto, uno perché il sound mi piace parecchio, cattivo e deciso, due perché legato ad un evento che non è mai semplice da riportare in musica, e tre perché essendo indipendente dimostrano di avere le idee chiare e un futuro davanti. Ottimi alla prossima!

Tracklist:

1.Lindisfarne 06:17
2.Hills of Culloden 07:15
3.Witchpricker 06:08
4.Red Cliff 03:39

Lineup:
Andrew Halliday – Bass/vocals
Jack Brown – Lead Guitar
Stefan Rosic – Lead G
Da ROCKER STAGE,
HEAVY ROCK A TUTTI
JACK RACCONTA…

Recensione a cura di Davide Cadeddu “JACK”

Autore dell'articolo: Davide Cadeddu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *