ARRAYAN PATH – ARCHEGONOI

Condividi questo articolo..
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il passo da Cipro alla Grecia antica è veramente breve, il tutto lo sintetizza Archegonoi l’ultimo album degli ARRAYAN PATH del frontman Nicholas Leptos con un doppio album che consolida i ciprioti nell’ambito Epic/Power.
Già dalla accuratezza con cui sono state fatte uscire le copie fisiche di Archegonoi si capisce che sarà un album dall’ottima fattura e non mi sono sbagliato affatto. Il sound è pressochè ottimo, tutto suona nel modo giusto, senza sbavature, niente fuori posto, sembra che si sia fatto un lavoro davvero minuzioso nel creare un suono potente ma che allo stesso modo non permetta di oscurare i particolari che arricchiscono le canzoni e i temi di Archegonoi. Leptos e soci hanno un’arma in più, Marc Zonder, storico drummer dei Warlord, che oltre essere un martello percussore e si sente, partecipa all’arrangiamento dei brani. Un’album lungo, 14 brani di media lunghezza che raccontano le imprese dei miti greci, ma non è solo questo, qui sembra di entrare a far parte di un film,la colonna sonora della Grecia antica, le aggiunte dei liuti e le viole, oud e duduk, congas e bonghi creano un’atmosfera epica dalle sonorità non sempre scontate del genere. La linea è davvero ottima, non stanca mai, l’alternanza tra pezzi tirati, instrumental e ballads rende il tutto veramente piacevole, mai banale e la voce di Leptos è come il canto delle sirene per Ulisse e compagni, ti rapisce, ti ammalia e ti porta ad ascoltare un pezzo dopo l’altro.
Non cito nessun brano in particolare perchè come già detto questo album è da vivere come un unico brano, una colonna sonora, un film da godersi da soli e apprezzare in tutte le sue sfaccettature. L’antica Grecia è li, le sue bellezze e i suoi eroi sono davanti agli occhi ma a raccontarne le gesta questa volta non sono i poeti o i cantastorie ma gli ARRAYAN PATH.

Arrayan Path on Facebook:
http://www.facebook.com/arrayanpath

Label PITCH BLACK RECORDS:
https://www.pitchblackrecords.com/

 

Autore dell'articolo: LucaRock

Stay Connected! Stay Rock!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *