ANCIENT TORMENT – SATAN’S LEGACY COME FLESH

Condividi questo articolo..
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Direttamente dagli USA arrivano gli “ANCIENT TORMENT” con questo EP dal titolo “SATANS LEGACY COME FLESH”, 4 canzoni di puro, purissimo black metal furioso e furente al 100%. Un disco oscuro e cupo, veloce e pesante, riff granitici una ritmica presente e massiccia. 

“Satan’s Legacy Come Flesh” è un inizio che non ha fronzoli o mezze misure e tutto questo EP che dura 30 minuti circa hanno la stessa violenza e intensità del pezzo iniziale.  

Mi aspetto un “full lenght” con la stessa intensità di questo assaggio sonoro che è veramente brutale per impatto e pesantezza, in soli 4 pezzi si racchiude una violenza incredibile fatta di blastbeat e contorsioni vocali e sonore con una produzione incredibilmente pulita. 

Certo, quando si parla di black metal ci si pone davanti a cosa voglia dire avere una bella produzione, se si parli di quei suoni sporchi e marci dell’inizio o se si debba aggiornare un po’ il termine e parlare di quello che oggi, tutte le band a prescindere dal genere suonato, vogliano dai loro dischi. 

Rimane il fatto che, sia per merito della produzione e sia per merito di chi suona in questo disco, il risultato è buono, cattivo e immediato, violento sia quando si suona veloce che quando si rallenta e tutto si fa più tetro e macabro, gli “ANCIENT TORMENT” ci sono e lo fanno sentire a tutto volume. 

Viscerale e oscuro, le radici del black metal vivono in questo EP “SATAN’S LEGACY COME FLESH” è un inno al sesso e Satana, uniti in un unico macabro e oscuro concetto. 

 

Se siete amanti del black metal delle origini, black nella vostra Anima e nei vostri istinti, questo EP è il giusto disco per voi.  

 

Tracklist 

 

  1. Satan’s Legacy Come Flesh
  2. Seven Black Keys (Of Damnation)
  3. Eve in Estrus
  4. A Treasure Squandered

 

ANCIENT LEGACY 

 

Tormentum – Guitars 

The Corpse – Bass 

Zealot – Drums 

Ta No Sangre – Guitars 

Satanist – Vocals 

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *