STASIA MOMENTO – L’intervista a Olbap Dibasson, frontman della band spagnola

Condividi questo articolo..
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il nostro Dave dopo aver recensito il secondo lavoro della band spagnola, Manifestwo, essendone rimasto affascinato ha deciso di contattarli per una breve intervista, per conoscere meglio la loro realtà e i loro progetti futuri. A tal proposito si rende disponibilissimo ad una chiacchierata il frontman Olbap Dibasson.

Ciao Olbap e grazie di averci ricevuto. partiamo subito con la prima domanda per presentare te e la tua band ai lettori di Rockerstage.

Chi sono gli Stasia Momento?
Stasia Momento è una band di Vigo, che a volte fa rumore melodico o qualcosa di più
atmosferici e ambient, altre volte cose industriali, pop oscuro e abbastanza elettronico direi.
Abbiamo due album, Le Boutique du Tenebres, auto-pubblicati dalla band nel 2012, e
il più recente Manifestwo, che è stato rilasciato nel febbraio di quest’anno 2019.
L’attuale formazione del gruppo è:
Olbap Dibasson; Vocals, Lyrics & Ghostly Clown
KK Overlörd; Chitarre, tasti, synth, programmazione e tocco morente.
Rody Liveratum; Bass Guitar, Vocals & No Human Magic.
Reb Ferenac; Voce sadica e sacerdotessa pallida.
.
Il disco ha suoni che mescolano il rock e l’elettronica, cosa ispira la tua musica?
Diverse cose … musica ambient, ore di sperimentazione con suoni diversi e
trame, ritmi sperimentali, suspense e vecchi film horror, colonne sonore e
la vita schizoide che ci circonda, oltre all’eterno mistero della morte e degli strani
fenomeni che improvvisamente si manifestano, tutto questo e molto altro, è l’ispirazione per la nostra musica.

Di cosa parlano i testi degli Stasia Momento?
I testi degli Stasia Momento parlano di sesso, religione, piacere / dolore, vizi, nichilismo,
Misticismo, Paure, Fobie, Tabù, Follia, Luce, Oscurità, Misantropia, Amore e odio,
La vita e la morte e tutto ciò che comporta, è molto, suppongo.
Cerchiamo di rendere i testi molto cinematografici o fotografici, se vuoi … qualcosa
più teatrale del normale, perché poi si prestano a esibirsi dal vivo,
quasi tutti i nostri testi possono essere drammatizzati, direi.

Dopo aver ascoltato il disco ho immaginato un live set teatrale, quanto incide nel vostro set dal vivo?
Hai assolutamente ragione, come ti ho detto nella risposta precedente, vengono eseguite molte canzoni
dal vivo. Ci costa da soli, perché portiamo molti vasi, tende, manichini, oggetti di scena dappertutto
il palco e le schermate per proiettare piccole clip delle canzoni o semplicemente immagini che emergono
mentre suoniamo alcune delle nostre canzoni … stiamo anche osservando la squadra di luci nel club
in grado di controllarlo a modo nostro.
Tutto questo è costoso, tempo, logistica e denaro, ma so che molte persone lo apprezzano,
perché vedono uno spettacolo diverso e pazzo, pieno di stravaganza e qualcosa
misterioso e bizzarro.

A volte ascoltandovi, mi sono venute in mente le opere di Steve Sylvester, è un?
coincidenza o conosci la band italiana?
Ahahaaaa, devo dirtelo, è una coincidenza totale. Conosco Death SS e il suo lavoro, mi piace l’immaginario, il suo bizzarro stile di horror occulto-rock, il suo periodo più elettrizzato della fine degli anni ’90, all’inizio 2000 e tutto ciò, le sue prestazioni e la teatralità sul palco, la sua filosofia e il suo concetto,ma penso che tutto finisca lì. Penso che tu possa vedere somiglianze in ciò che dico, ma musicalmente penso di no. Possiamo avere un approccio simile alla messa in scena, ma non hanno avuto una chiara influenza nel mio caso, ma capisco cosa vuoi dire e che al momento che ho menzionato prima, potrebbe esserci qualche somiglianza. Ovviamente Steve Sylvester penso che sia un grande artista, molto sottovalutato secondo il mio punto di vista. È sempre trasgressivo e provocatorio.

Progetti e date live per questo 2019?
Vogliamo presentare l’album nel maggior numero possibile di luoghi, entro un minimo di
condizioni. Non abbiamo un tour organizzato come tale, ma stiamo prenotando qui e là, sai com’è…

Avete mai suonato in Italia?
No, Dave, certo che ci piacerebbe. Se c’è un promotore interessato, con un’offerta fattibile a
fare un giro attraverso l’affascinante Italia, andremo lì come pellegrini dell’orrore.

Olbap sei stato gentilissimo e disponibile e ti ringrazio, un messaggio ai lettori di Rockerstage?
Grazie mille per il tuo interesse e anche per te. Speriamo che vi piaccia Manifestwo e la
proposta della band. Se avessimo l’opportunità di girare l’Italia sarebbe fantastico
vedervi e chiacchierare un po’ su quelle cose che ci sono da voi. Stay care.

La cover dell’album Manifestwo

Il video di Let Me See In Your Eyes

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner" o qui.

STASIA MOMENTO sul web

Facebook: https://www.facebook.com/StasiaMomento/

Instagram: @stasiamomentooficial

Label:  ART GATES RECORDS www.artgatesrecords.com

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *