NAPOLI VIOLENTA – La band Grind Core partenopea si racconta a noi di Rocker Stage

Condividi questo articolo..
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Continuano le interviste del nostro Dave nell’Underground Italiano e questa volta si sposta nel capoluogo campano per incontrare i Grind Core NAPOLI VIOLENTA, che si raccontano e ci presentano i loro progetti per il nuovo anno.

Ciao ragazzi, innanzitutto raccontateci cosa é Napoli Violenta.

Napoli Violenta è un progetto a metà strada fra un trucido poliziesco e la colonna sonora grindcore di uno splatter movie, se ne esistesse una. Siamo ferocemente nemici dei luoghi comuni: una cosa è l’immaginario di riferimento, quello del poliziesco e di un certo genere noir appunto, un’altra è identificarci con un luogo in particolare. Musicalmente, cerchiamo di rispettare uno stile personale rielaborando in modo schizzato hardcore e grind prima maniera.

A tal proposito quali sono le band che influenzano il vostro sound?

Ognuno di noi ascolta cose diverse dagli altri e abbiamo diverse influenze. Riducendo all’osso direi Napalm Death, Cripple Bastards, Repulsion, Brujeria, Pig Destroyer, Carcass, D.R.I., S.o.D., Discharge, Brutal Truth… Pino Mauro & Mario Merola.

E i dischi fondamentali per la vostra esistenza?

Today is the Day “Kiss the Pig”, Napalm Death “From Enslavement to Obliteration”, Black Flag “Rise Above”, Slayer “Reign in Blood”.

Noi di Rocker Stage stiamo cercando di valorizzare l’Underground, sempre troppo snobbato, una vostra fotografia sulla scena italiana?

In Italia ci sono situazioni a macchia di leopardo: ci sono persone e band che ci mettono l’anima con attitudine vera e a questi va solo rispetto, poi c’è la massa. L’underground italiano ha sempre espresso cose di grande qualità e, allo stesso tempo, mostra i propri limiti quando per invidie e rivalità incrociate ostacola sé stessa col risultato di venire apprezzata più all’estero che in Italia stessa. Speriamo sempre che questo possa cambiare e che in Italia possa un giorno esistere una vera scena unita, a prescindere dal genere che si suona, ma è pure vero che lo speriamo da anni e chi visse sperando… 

Veniamo ai vostri progetti, cosa ci riserverà NAPOLI VIOLENTA per questo 2019?

Il 2019 sarà l’anno del nostro primo CD “5 Tracks Raw Demo” che uscirà a giorni per l’etichetta DIY Bunch Greenade, ma sarà anche l’anno del nostro primo EP a tutti gli effetti che arriverà subito dopo.

Invece per quanto riguarda concerti e prossime date in programma?

Ad aprile saremo a Bari e poi stiamo programmando ulteriori date per il periodo estivo… ci sono molte cose che bollono in pentola.

Grazie Napoli Violenta per la disponibilità!!! In Grind We Trust!!!

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *