KRIGERE WOLF: Intervista a Rick Costantino, polistrumentista della band

Condividi questo articolo..
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Amici di Rocker Stage, abbiamo fatto due chiacchiere con Rick Costantino, polistrumentista della band “KRIGERE WOLF” Black metal dalla raggiante Catania.

Ciao Rick, presenta agli amici di Rocker Stage la vostra band

Ciao Davide! È un piacere!

Beh, Krigere Wolf è una band che porto avanti da dieci anni, camminando lungo sentieri molto tortuosi e salite parecchio ripide. Niente è stato facile in questo decennio. Purtroppo devo dire che gran parte dei musicisti che hanno fatto parte di questa band, non mi hanno lasciato un bel ricordo, non sono molto soddisfatto del passato dei Krigere Wolf (nonostante abbia suonato con musicisti bravissimi e che comunque ringrazierò sempre per averne fatto parte).Le uniche due persone con cui oggi collaboro nella band sono quelle che ritengo essere le più professionali e serie da dieci anni a questa parte, con vera attitudine per la musica e grandi professionisti, Salvatore Leonardi (chitarrista/cantante) e Salvatore Martino Testa (il nostro batterista live e batterista in un altro dei miei gruppi “Humanity Eclipse”, una vera e propria macchina da guerra, batterista nel singolo “Victory of Satan’s Warriors” del 2013), due musicisti con il quale basta poco per capirsi durante le prove, due persone con il quale c’è molto affiatamento e parecchia fame di heavy metal e soprattutto vera amicizia! Ma nonostante le difficoltà non mi sono mai fermato, a differenza di molti che creano band e dopo 1 anno sciolgono tutto. La mia creazione è, e tale rimarrà fino alla mia morte. Oggi porto avanti la band insieme a S. Leonardi, grande musicista, in studio lavoriamo molto bene insieme, abbiamo finalmente raggiunto la giusta dimensione. Con lui siamo al terzo lavoro in studio: Infinite Cosmic Evocation (2016), E.C.A (split con i Sabbat giapponesi del 2018) ed Eternal Holocaust (2019), uscito per l’etichetta polacca Lower Silesian Stronghold. Nel 2014 sono entrato in contatto con la label sudcoreana Fallen Angels Productions, che ha pubblicato 4 lavori in studio dei Krigere Wolf (Sacrifice to Valaskjàlf, altro split album “The Beginning of the end”, Infinite Cosmic Evocation, E.C.A.). Adesso stiamo già lavorando ai prossimi brani e soprattutto ci stiamo preparando per i concerti che vedranno luce a breve. Diciamo che ti ho fatto un riassunto molto veloce del nostro passato/presente.

Avete da poco sfornato un EP dai suoni cupi, cosa ispira la vostra musica?

Eternal Holocaust è uscito all’inizio di questo mese, rilasciato dalla lebel polacca Lower Silesian Stronghold. Siamo abbastanza soddisfatti del risultato finale, ma non ci accontentiamo. Vogliamo crescere sempre di più ed arrivare a competere con le più grandi band del panorama mondiale; il tutto però dobbiamo guadagnarcelo con il nostro sangue e il nostro sudore, evitando assolutamente di pagare etichette o leccare culi a gente di merda. Venendo all’EP, abbiamo deciso di creare un mini album dalla durata di circa mezz’ora di devastazione allo stato puro. Oggi ho capito che purtroppo, è quasi inutile fare un album di un’ora, c’è poco interesse da parte degli ascoltatori nel godersi un CD dall’inizio alla fine. Sono davvero poche le persone che lo fanno, soprattutto con l’avvento e la prevalenza dei media (facebook, youtube e tutte le svariate piattaforme). Triste, ma vero. Per cui la nostra scelta è quella di venire subito al sodo. Cinque brani, diretti, concisi, devastanti. Stop. Non mancano le melodie, non smielate ma assolutamente sinistre, i blast beat sono la regola che comanda questo lavoro, un vortice di caos senza pietà, con riffing black metal e death metal amalgamati al meglio attraverso arrangiamenti ritmici dinamici di gusto “antico”, old school e songwriting angosciosi, struggenti, il tutto ispirato da questo mondo pieno di merda in cui viviamo. I suoni sono abbastanza puliti ma grezzi nello stesso tempo, frutto di una buona produzione da parte di Giacomo Iannaci (Morning View Studio).

Le band senza cui l’esistenza dei Krigere Wolf non sarebbe possibile?

In assoluto Bathory al primo posto, aggiungerei Venom, primi Death e Dissection.

Come è la scena Metal Siciliana?

Ci sono molte band valide, ma poche con vera attitudine e che sono la copia, della copia, della copia di altri gruppi .Oggi è diventata quasi una moda suonare e andare dietro a certi generi musicali del “momento”. E di queste band ce ne stanno molte, che nascono e muoiono l’indomani. Io personalmente ho sempre avuto la passione per il vecchio metal, e non riesco a fare a meno di metterlo in pratica. In Sicilia, ripeto, ci sono molte band talentuose, e che rispetto. L’unica cosa che non mi va a genio è il fatto che ognuno tira l’acqua per il proprio mulino, tutti parlano di supporto, ma appena ti giri te la mettono subito nel culo senza pietà. Anche gente con il quale a volte collabori, non c’è rispetto, ma molta, moltissima invidia. Poco interesse per la musica, molto interesse per l’apparenza e il “nulla”.

Live, progetti futuri con la band??

Per quanto riguarda i live ci stiamo preparando intensamente per i prossimi eventi di cui dovremmo far parte, sicuramente il nostro obiettivo è quello di spaccarvi i timpani! Ehehe. Progetti futuri, abbiamo 3 o 4 brani nuovi pronti da arrangiare al meglio per il prossimo lavoro. Stiamo ancora decidendo il da farsi.

Grazie a Rick per la disponibilità!!! Horns Up Brother!!!!

Grazie a te Davide! Vero supporter e metallaro dall’attitudine vera! E Grazie a tutti voi! A presto.

R.

Contatto Facebook:

https://www.facebook.com/KrigereWolfOFFICIAL/

Contatto stampa:

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *